Sfregamento cosce: i veri rimedi per l’irritazione dell’interno coscia

Pubblicato in Roba da Curvy: tips da

“This girl is on fire, she’s walking on fire…” se il nostro interno cosce sapesse cantare, canterebbe come Alicia Keys. Sopratuttto con la bella stagione, quando l‘irritazione da sfregamento cosce viene a trovarci, puntuale come il ciclo il primo giorno di vacanze.

“E che sarà mai?!”

Che se lo hai pensato, non lo hai mai provato. Lo sfregamento delle cosce più che un disagio, è un dramma! É “no bel tipo, non posso fare una passeggiata con te sulla spiaggia”. É camminata in pliè perenne. É “ciao gonna a fiori nell’armadio, non ti potrò avere mai”. É scie di borotalco che se la gente ci inciampa devi fare pure la vaga.

Lo sfregamento cosce e la conseguente irritazione dell’interno coscia sono un fastidio con cui noi donne cosciotte di pollo-dotate dobbiamo convivere da sempre, qualunque sia la nostra taglia. Così mi sono fatta il giro del web alla ricerca dei rimedi contro l’irritazione dell’internocoscia a prova di caldo estremo e scie indesiderate.

Si comincia!

Sfregamento cosce al mare e in città: i rimedi a lungo termine

1. I pantaloncini corti in microfibra o cotone

É il mio rimedio contro l’irritazione da sfregamento preferito. Negli ultimi anni ho sempre acquistato un prodotto della Sloggi in puro cotone con decoro in pizzo, mi arriva a metà coscia ed è perfetto da indossare sotto gli abiti e le gonne di lunghezza media, ma non con le minigonne. Li trovate online e nelle mercerie a circa 10 euro come “Sloggi Long Basic”, disponibili in nero, bianco e nudo. Se ho mai sofferto il caldo? No, trattandosi di cotone, la sua presenza è impercettibile. Garantito da chi da sempre trascorre l’estate in una delle città più calde della Sicilia.

Vi dirò, ho una bellissima minigonna di jeans che giace dentro il mio armadio da troppe estati, quest’anno ho deciso  così di acquistare un pantaloncino ancora più corto, disponibile in varie taglie da Kiabi.

2. Le bandellettas

Le bandellettes sul web vengono considerate il rimedio definitivo contro lo sfegamento cosce. Si tratta di fasce elastiche che coprono la zona coinvolta nell’incendio da sfregamento e ricordano la sexissima parte superiore delle calze autoreggenti. Sono disponibili in vari colori, in pizzo o “lisce”. Durano circa una stagione, non stringono e si tengono su grazie a due striscette di silicone. Il prezzo è intono ai 15 euro.

Non le ho ancora provate, ma conto di ordinarne un paio prima che le mie cosce inizino a voler restare “vicine vicine”. Il mio dubbio è il “tessuto”. Non amo il nylon e tutto quello che ha che fare con i collant. Ma molte curvy blogger ne parlano benissimo e sono proprio curiosa di provarle.

Il consiglio dal web: per un fitting perfetto scegliete la taglia attenendovi alla tabella delle misure proposte dal brand.

3. Stick Body Glide

Ho scoperto questo stick anni fa sul blog di Marged – La diva delle curve  (a cui spetta il merito di aver affrontato per prima il noioso problema dello sfregamento cosce, insieme ad altri problemi di carattere pratico e intimo con cui le donne plus-size si confrontono in silenzio da sempre) e l’ho ritrovato più volte su altri curvy blog. Contro lo sfregamento delle cosce al mare, quando non si indossa nulla che copra le nostre gambe, è il rimedio che preferisco tra tutti.

Body Glide è un prodotto valido anche per il suo inc vegan, non contiene siliconi, e non unge. Anche la sua durata me lo fa apprezzare di più tra altri gel proposti in commercio (dalle due alle quattro ore in base al clima e sudorazione). Il formato è molto comodo, lo si confonde facilemente con una crema solare.

Prodotti contro l’irritazione interno coscia che non mi convincono

4. Le polveri: farina, amido, borotalco, ecc..

Non durano e lasciano la scia. E il loro mix con il sudore può essere davvero letale. Per anni ho camminato con il borotalco in borsa, ma la sua durata è davvero irrisoria. Ricordo ancora quella tremenda sensazione che provavo al mare una volta che il suo effetto finiva. Brucioooo!

5. Lobocaina

Passiamo alla categoria “spalmabili”. La Lobocaina è stata per me una dilusione di diludendi enorme. Ho investito 12 euro e troppe speranze. Su di me ha funzionato per circa 30 minuti. Per il resto il nulla…

6. Olii e gel

Funzionano giusto il tempo di essere assorbiti dalla pelle, per poi lasciare abbracciare le cosce in una stretta fatale. Il rischio di sporcarsi, soprattutto con l’olio, è altissimo. In più se sono prodotti troppo aggressivi il ricchio di irritazione è altissimo.

7. Collant corti

Indossateli, ma non guardatevi allo specchio e non fateli vedere a nessuno, il “Dio del buon gusto” potrebbe punirvi gravemente. Scherzi a parte, sono brutti e restano collant. Collant leggeri e corti. La mia è una stroncatura  netta, ma se volete provarli fatemi sapere come vi siete trovate. Io temo che quel tipo di tessuto possa solo provacore l’irritazione su di me, piuttosto che prevenirla.

 

Ti è piaciuto il mio post? Regalami un like sister 😉

Articolo Precedente Articolo Successivo

Rispondi

Potrebbe interessarti